El Zeremia

Augusto Zadra, il visionario e pioniere del Groppello di Revò, Augusto Zadra “El Zeremia”, discende da una famiglia storica dall’albo della viticoltura locale.
Dal 1991 dopo la morte del padre Tullio che lasciava scritto sul testamento “Lascio il
vigneto storico di groppello di Revò ad Augusto ultimo di sette figli che lo tenga e lo coltivi per almeno 10 anni” decise di dedicarsi alla salvaguardia e valorizzazione di questo antico vitigno autoctono della Val di Non considerato la “memoria enoica” del Trentino Asburgico.
“El Zeremia” è il soprannome di famiglia, acronimo di cui Augusto andava molto fiero.
Il 2 settembre 2013 dopo una lunga sofferenza dovuta ad una malattia incurabile, l’ha privato della possibilità di portare avanti il suo affascinante obiettivo, quello di valorizzare e portare sulle maggiori tavole dei ristoranti blasonati di tutto il mondo il suo Groppello di Revò.

Per fortuna il suo sogno principale è stato coronato, ossia la realizzazione della sua cantina privata.
Nel 2013, dopo l’inaspettata morte del padre Augusto, il figlio Lorenzo decise di continuare l’opera di salvaguardia iniziata dal padre. Lorenzo ritornò dunque sui banchi di scuola dell’Istituito agrario di San Michele e, aiutato dall’enologa della Cantina Pravis in Lasino, affinò l’arte enologica. Come il padre Augusto si dedicò al recupero dell’antico Groppello di Revò, allo stesso modo sta facendo il figlio Lorenzo con un altro vitigno storico autoctono a bacca bianca, ovvero il Maor. Lorenzo è inoltre sostenitore di una forma di viticoltura sostenibile ed ecologica, come dimostra la sua attenzione nel coltivare varietà resistenti come la Johanniter, un bianco a impatto zero.

La superficie vitata dell’azienda è in continua espansione, coltivando uve Groppello con un vigneto storico di oltre 120 anni di età su piede franco, uve Johanniter resistenti Piwi e da pochi anni riscoprendo e mettendo a dimora il Maor, l’unica varietà autoctona a bacca bianca presente già nel 1700 solo in Val di Non e all’inizio della Val di Sole.
I vigneti collocati a circa 700 metri sul livello del mare si trovano sotto l’abitato di Revò a ridosso delle sponde del lago di Santa Giustina con pendenze che superano anche il 40%. La vendemmia per garantire un elevato grado qualitativo delle uve si aggira attorno alla seconda decade di ottobre, sfruttando così tutto il calore possibile stagionale.

Associata: Piwi Trentino, Fivi

I vini

Spumante Johanniter Zadra

Uve: Johanniter

Vino Spumante Metodo Classico

Spumante di color giallo paglierino vivacizzato da un fine e persistente perlage. Profumi delicati che ricordano il limone, il cedro, la frutta selvatica e le mandorle tostate.
Un bere semplice, fresco e piacevole che non accentua le note di lievito. In bocca è beverino ma deciso con i suoi 5 gr./l di residuo zuccherino lo rendono un bollicina ideale da aperitivi e perchè no da tutto pasto.

Classificazione: Vino Spumante di Qualità Millesimato Extra Brut Metodo Classico – Millesimo 2018
Collocazione: Revò, sulle sponde del lago di S. Giustina con esposizione sud-ovest
Composizione terreno: Calcareo, sabbioso
Allevamento: Guyot
Resa: 40-50 q/ha
Vendemmia: Manuale, seconda decade di settembre
Vinificazione: Maturazione in acciaio fino al momento del tiraggio
Affinamento: Rifermentato per 36 mesi a contatto con i lieviti e poi qualche mese in bottiglia dopo la sboccatura
Grado alcolico: 12,5%
Temperatura di servizio: 6° gradi
Esame organolettico: Spumante di color giallo paglierino vivacizzato da un fine e persistente perlage. Profumi delicati che ricordano il limone, il cedro, la frutta selvatica e le mandorle tostate. Un bere semplice, fresco e piacevole che non accentua le note di lievito. In bocca è beverino ma deciso con i suoi 5 gr./l di residuo zuccherino che lo rendono una bollicina ideale da aperitivi e perché no da tutto pasto.

Articoli e note di degustazione a cura di Vinievitiresistenti:

Johanniter

Uve: Johanniter

Vino bianco. Vigneti delle Dolomiti IGT

La Johanniter è un vitigno a bacca bianca resistente alle principali malattie fungine che non necessita di nessun tipo di trattamento fitosanitario, come natura crea a impatto zero, studiato all’istituto di viticultura di Freiburg in Germania. Il primo impianto risale al 2008 uno dei primi in Trentino, per dimostrare la nostra filosofia aziendale vocata ad un territorio salubre e sostenibile naturalmente.

Età delle viti: 15 anni
Collocazione: Revò, 700 m.s.l.m., sulle sponde del lago di Santa Giustina con esposizione sud-ovest
Composizione terreno: Calcareo, sabbioso
Allevamento: Guyot
Resa: 40-50 q/ha
Vendemmia: Manuale, seconda decade di settembre
Vinificazione: Pressatura delicata e fermentazione a temperatura controllata
Maturazione: In acciaio per 5 mesi
Affinamento: In bottiglia
Grado alcolico: 13%
Temperatura di servizio: 6° gradi
Esame organolettico: Bianco paglierino, luminoso, profumo tipicamente fruttato. Figlio del Riesling ha ereditato il dinamismo ed una spiccata sapidità. Dissetante aromatico.

Articoli e note di degustazione a cura di Vinievitiresistenti:


Azienda Agricola El Zeremia di Zadra Lorenzo, Via dell’Emigrante 15, Fraz. Revò, Novella  (TN) – www.elzeremia.it

Clicca sulla mappa per visualizzarla su Google Maps
Translate »