Classificazione in Italia

36 varietà resistenti iscritte nel Registro Nazionale delle varietà di vite

Dicembre 2021: La nuova Politica agricola comune (PAC) ha dato il via libera all’utilizzo di varietà resistenti (PIWI) nelle Denominazioni. Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 6.12.2021 (L 435/266 Punto 28).

Leggi articoloFonte: OIV.int – EUR-Lex – link
Scarica documento integrale PDF

Prima di questa normativa europea l’iscrizione era vincolata alla specifica di: Uve non utilizzabili per i vini a denominazione di origine 

(ex art. 8, comma 6, decreto legislativo n. 61/2010)

OrigineIstitutoAnnoNomeCol.Iscrizione
in Italia
Proponente
GermaniaJulius Kühn-Institut (JKI)1967RegentN2009Provincia Autonoma di Bolzano
UngheriaTransdanubian Research Insitute of Viticulture and Enology – University of Horticulture and Food Industry1967Poloskey MuskotalyB2019Vivai Viticoli Trentini
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1975BronnerB2009Provincia Autonoma di Bolzano
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1968JohanniterB2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1973HeliosB2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1975SolarisB2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1982Cabernet
Cortis
N2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1983Cabernet
Carbon
N2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1987PriorN2013Istituto Agrario S. Michele all’Adige
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1983Souvignier GrisB2014Piwi International e Provincia Autonoma di Bolzano
GermaniaIstituto di Ricerca di Friburgo1987MuscarisB2014Piwi International e Provincia Autonoma di Bolzano
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Cabernet EidosN2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Cabernet VolosN2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002FleurtaiB2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002JuliusN2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Merlot KanthusN2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Merlot KhorusN2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Sauvignon NepisB2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002Sauvignon RytosB2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2002SoreliB2015Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità degli Studi di Udine, Istituto di Genomica Applicata IGA2003Sauvignon KretosB2015Università degli Studi di Udine
Germania Valentin Blattner (breeder privato)1991Cabernet BlancB2020Vitis Rauscedo
GermaniaValentin Blattner (breeder privato)1991CabertinN2020Vitis Rauscedo
GermaniaValentin Blattner (breeder privato)1991PinotinN2020Vitis Rauscedo
UngheriaTransdanubian Research Insitute of Viticulture and Enology – University of Horticulture and Food Industry2004Pinot ReginaN2020Civit, Consorzio Innovazione Vite
ItaliaFondazione Edmund Mach (FEM)
di San Michele all’Adige (TN)
1994TermantisN2020Fondazione Edmund Mach (FEM)
ItaliaFondazione Edmund Mach (FEM)
di San Michele all’Adige (TN)
1994NermantisN2020Fondazione Edmund Mach (FEM)
ItaliaFondazione Edmund Mach (FEM)
di San Michele all’Adige (TN)
1994CharvirB2020Fondazione Edmund Mach (FEM)
ItaliaFondazione Edmund Mach (FEM)
di San Michele all’Adige (TN)
1994ValnosiaB2020Fondazione Edmund Mach (FEM)
ItaliaUniversità di Udine, Istituto di Genomica Applicata (IGA)2002Pinot IskraB2020Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità di Udine, Istituto di Genomica Applicata (IGA)2002 KersusB2020Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità di Udine, Istituto di Genomica Applicata (IGA)2002 Pinot KorsN2020Università degli Studi di Udine
ItaliaUniversità di Udine, Istituto di Genomica Applicata (IGA)2002 VolturnisN2020Università degli Studi di Udine
Repubblica CecaBreeding Station of Vine Grape, Ltd.1964SevarN2021Fondazione Edmund Mach (FEM)
UngheriaTransdanubian Research Insitute of Viticulture and Enology – University of Horticulture and Food Industry2001PalmaB2021Fondazione Edmund Mach (FEM)
ItaliaScoperta nel 2005 da Francesco e Marco Ranchella‘2005’RanchellaN2021Francesco Ranchella

[fonti 22,23,24]

Sono inoltre iscritte dal 1997 al Registro Nazionale come Varietà a destinazione particolare gli ibridi a nome Isabella N e Noah B.

Classificazione dei vini in Italia/Europa

Normative

Denominazioni d’Origine (DOCG-DOC/DOP) – 2021

La nuova Politica agricola comune (PAC) apre all’utilizzo di varietà resistenti (PIWI) nelle Denominazioni.

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea
6.12.2021
L 435/266 Punto 28

“Per consentire ai produttori di utilizzare varietà di viti che si adattino meglio ai cambiamenti delle condizioni climatiche e che abbiano una maggiore resistenza alle malattie, è opportuno prevedere disposizioni che permettano l’utilizzo di denominazioni d’origine per prodotti dalle varietà di viti appartenenti alla specie Vitis vinifera e da varietà di viti ottenute da un incrocio tra Vitis vinifera e altre specie del genere Vitis”.

l’articolo 93 è così modificato:
a) al paragrafo 1, le lettere a) e b) sono sostituite dalle seguenti:

DOCG-DOC/DOP

a) “denominazione d’origine”, un nome, compreso un nome usato tradizionalmente, che serve a designare un prodotto di cui all’articolo 92, paragrafo 1:

i) la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente a un particolare ambiente geografico e ai suoi fattori naturali e umani;

ii) originario di un luogo, di una regione o, in casi eccezionali, di un paese determinati;

iii) ottenuto da uve che provengono esclusivamente da tale zona geografica;

iv) la cui produzione avviene in detta zona geografica; e

v) ottenuto da varietà di viti appartenenti alla specie Vitis vinifera o da un incrocio tra la specie Vitis vinifera e altre specie del genere Vitis.


IGT-IGP

b) “indicazione geografica”, un nome, compreso un nome usato tradizionalmente, che identifica un prodotto:

i) le cui qualità, notorietà o altre caratteristiche specifiche sono attribuibili alla sua origine geografica;

ii) originario di un determinato luogo, regione o, in casi eccezionali, paese;

iii) ottenutoconuvecheprovengonoperalmenol’85%esclusivamentedatalezonageografica;

iv) la cui produzione avviene in detta zona geografica; e

v) ottenuto da varietà di viti appartenenti alla specie Vitis vinifera o da un incrocio tra la specie Vitis vinifera e altre specie del genere Vitis.»;

Gazzetta Ufficiale

Indicazioni geografiche tipiche (IGT) delle varietà resistenti ammesse (in progress)

VarietàAmmessi nelle IGT
CABERNET EIDOS (N)
CABERNET VOLOS (N)
FLEURTAI (B)
JULIUS (N)
MERLOT KANTHUS (N)
MERLOT KHORUS (N)
MUSCARIS (B)
SAUVIGNON KRETOS (B)
SAUVIGNON NEPIS (B)
SAUVIGNON RYTOS (B)
SORELI (B)
Alto Livenza Veneto ( Regione Friuli-Venezia Giulia)
Colli Trevigiani (Regione Veneto)
Conselvano (Regione Veneto)
Trevenezie (Regioni Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia)
Marca Trevigiana (Regione Veneto)
Vallagarina (Regioni Trentino, Veneto)
Veneto (Regione Veneto)
Veneto Orientale (Regione Veneto)
Verona o Provincia di Verona o Veronese (Regione Veneto)
Vigneti delle Dolomiti / Weinberg Dolomiten (Regioni Trentino-Alto Adige, Veneto)
Venezia Giulia -tranne varietà Muscaris– (Regione Friuli-Venezia Giulia)

[fonte 25]


VarietàAmmessi nelle IGT
BRONNER (B)
REGENT (N)
SOLARIS (B)
JOHANNITER (B)
MUSCARIS (B)
SOUVIGNIER GRIS (B)
Mitterberg (Provincia Autonoma di Bolzano)

[fonte 26 – 2020]


Lombardia .1
Le uve prodotte con le varietà resistenti autorizzate in Regione Lombardia vengono normalmente indicate come “Vini da Tavola” non essendo ancora inserite nell’elenco IGP.

[fonte 27 – 2020]


Lombardia .2
Il vino a nome Zero trattamenti zero residui, della Cantina Ricci Curbastro di Capriolo (BS) riporta in etichetta la dicitura IGT Sebino bianco. Il disciplinare fa infatti riferimento a uno o più vitigni idonei alla coltivazione nella Regione Lombardia ed iscritti nel Registro Nazionale.

[fonti 28,29 – 2020]


Nota

Metanolo: È uno dei motivi del divieto di coltivazioni degli ibridi produttori diretti negli anni ’60 del secolo scorso. In generale è potenzialmente più alto nei rossi che nei bianchi, per una più elevata concentrazione di pectine. Le varietà rosse UNIUD e tutte quelle di 4A generazione, presentano livelli di metanolo ben al di sotto dei valori minimi di legge.

[fonti 30,31]

Altre varietà

Alcune delle altre varietà Registrate nel Catalogo Internazionale delle Varietà (VIVC)

(non iscritte nel Registro Nazionale Italiano)

NomeIncrocioCostitutoreStato
Aromera (B)Muscat Ottonel X Villard blancInnovitisIT
Solira (B)(XY)InnovitisIT
Vinera (N)(XY)InnovitisIT
Vinorè (N)(XY)InnovitisIT
Phoenix (N)(1964) Bacchus X S.V. 12-375Julius Kuhn Institute (JKI)DE
Baron (N)(1983) Cabernet Sauvignon X BronnerIstituto di Ricerca di FriburgoDE
Monarch (N)(1988) Solaris X DornfelderIstituto di Ricerca di FriburgoDE
Cabernet cantor (N)(1989) Chancellor X SolarisIstituto di Ricerca di FriburgoDE
Chambourcin (N)Joannes Seyve 11369 X PlantetJoannès Seyve (breeder)FR
Divico (N)(1997) Gamaret X BronnerStazione di Ricerca Feder. Changins (RAC)CH
Sevar (N)(1964) Seyve Villard 12-358 X SvatovavrineckeBreeding Station of Vine Grape, Ltd.CZ
Esther (N)(1969) Seyve Villard 12375 X Magarasci CsemegeInstitute for Viticulture and EnologyHR

Fonti

Fonte 22: Registro Nazionale delle Varietà di Vite, http://catalogoviti.politicheagricole.it/catalogo.php

Fonte 23: Accademia Italiana della Vite e del Vino – www.aivv.it

Fonte 24: Julius Kühn-Institut (JKI), Vitis International Variety Catalogue VIVC

Fonte 25: Registro Nazionale delle Varietà di Vite, http://catalogoviti.politicheagricole.it/catalogo.php

Fonte 26: 3-4-2020, Gazzetta Ufficiale, Serie generale N.89

Fonte 27: mail da Direzione generale agricoltura, alimentazione e sistemi verdi Programmazione comunitaria e sviluppo rurale Agricoltura, foreste, caccia e pesca – Bergamo – 1/4/2020

Fonte 28: Ricci Curbastro https://www.riccicurbastro.it/vini-sebino-igt/sebino-igt-bianco-zero-trattamenti-e-residui-sulle-uve/

Fonte 29: Disciplinare IGT Sebino: http://catalogoviti.politicheagricole.it/scheda_denom.php?t=dsc&q=3087

Fonte 30: Enrico Peterlunger, 2016, convegno “Le nuove sfide della viticoltura”, le_nuove_varieta_di_vite_resistenti_alle_malattie_enrico_peterlunger.pdf

Fonte 31: Marco Stefanini, Unità di Genetica e Miglioramento Genetico della Vite, Fondazione Edmund Mach

Foto: Foglia di Sauvignon Rytos. Ursula Brühl, Julius Kühn-Institut (JKI) Bundesforschungsinstitut für Kulturpflanzen Institut für Rebenzüchtung Geilweilerhof – 76833 Siebeldingen – Germany

Translate »