Tag: vinibiologici

3|6|9 2019 Ca’ Apollonio, buona la prima

L’emozione di assaggiare un nuovo vino Piwi è sempre grande e lo è ancor di più se si tratta dell’opera prima di Ca’ Apollonio. Una realtà in costante sviluppo che punta ad essere un riferimento nella coltivazione biologica e di vitigni resistenti in Italia. Il vino 3|6|9 è il biglietto da visita, ci racconta di 3 anni di sovesci, 6 anni di impianti, 9 anni di permacultura e di sole 369 bottiglie prodotte per questa anteprima. 

I toni tenui e luminosi accompagnano profumi intensi di fiori bianchi e frutti tropicali. All’assaggio ne percepisco una spiccata acidità e salinità che fanno da spalla ad una elegante progressione aromatica di frutti maturi come la pesca bianca e la mela golden. Con vino degustato fresco si hanno sensazioni di frutto croccante e minerali, quasi gessose. Con l’alzarsi della temperatura si passa a note più rotonde e avvolgenti. La vena salina rimane ma si apprezza anche la morbidezza alcolica e glicerica.

Il 369 è vestito di chiaro ma con il suo 13,5% di Vol. ha un corpo da rosso. Decisamente un bel vino, armonico nell’insieme e piacevole nel gusto. Mi ha fatto pensare a Luce, il primo brano cantato in Italiano da Elisa, “…Parlami, come il vento fra gli alberi; Parlami, come il cielo con la sua terra…”

Grande opera prima, espressione veneta del territorio ai piedi del Monte Grappa nel comune di Romano d’Ezzelino (VI) e di un vitigno dal grande potenziale quale è il Souvignier Gris. L’annata degustata è la 2019.

Dietro le quinte di questo vino si trovano Maria Pia Viaro Vallotto e Massimo Vallotto artefici del progetto Ca’ Apollonio e l’enologo Nicola Biasi, miglior giovane enologo d’Italia 2020 (da Associazione Vinoway Italia), conosciuto anche per il suo Vin de la Neu.

Azienda agricola Ca’ Apollonio, Romano d’Ezzelino (VI) – Pagina Facebook

Regent 2017, Stachlburg – Baron Von Kripp

Ecco un’altro bel vino, arriva dal Castello di Stachlburg a Parcines (BZ), all’inizio della Val Venosta. È un rosso, iscritto nella IGT Mitterberg. È ottenuto dal primo vitigno piwi registrato in Italia nel 2009 (creato nel 1967), il Regent. Varietà che prende il nome dal famoso diamante di oltre 140 carati conservato al Louvre.

I vigneti di Regent della tenuta Stachlburg si trovano in località Naturno, su terrazzamenti posti a circa 600 metri di altitudine ed esposti a sud. L’Azienda vinicola è stata fondata nel 1990 dal barone Sigmund von Kripp sebbene la proprietà del castello sia della famiglia già dal 1540. Dal 1998 Stachlburg opera in regime biologico ed è associata Bioland.

Sapere di una storia così lunga dietro ad una bottiglia mi fa pensare all’esperienza maturata e alla qualità che potrei trovare nel vino. Dopo averlo stappato arriva già una conferma nel colore, intenso e luminoso. Seguono gli aromi, puliti ed eleganti. Profuma di viola appassita, di frutti neri, more, ribes. Arrivano sfumature balsamiche e note speziate a fare da cornice al complesso bouquet. L’annata è la 2017, viene affinato 7 mesi in barrique nuove di rovere ungherese e poi in bottiglia. Sono 2500 le bottiglie prodotte.

All’assaggio trasmette una bella progressione aromatica che va dal fruttato ai legni pregiati e spezie fino a sentori di cola. Acidità e sensazione cremosa si bilanciano, il finale è tannico, di tannini ben presenti ed integrati. Ha il 12% di volume alcolico, non si direbbe, la consistenza farebbe pensare a qualcosa in più. 

Mi è piaciuto nel suo insieme, per come interagisce la parte fruttata con quella morbida della barrique. È un vino elegante dove si percepisce la tradizione e l’impronta unica di questa cantina. Lo vedo come ottimo accompagnamento di carni bianche elaborate e succulente. Ottimo adesso ma credo possa dimostrarsi al top nei prossimi 2/3 anni. Se non avete mai assaggiato un ‘Reggente’ vi consiglio di iniziare da questo.

Schlossweingut Stachlburg, Via Peter Mitterhofer 2, Parcines (BZ) – sito

Translate »